LA NEWSLETTER DI ENRICO BRAMBILLA N. 124 del 25 luglio 2015
Oggetto: LA NEWSLETTER DI ENRICO BRAMBILLA N. 124 del 25 luglio 2015
Data invio: 2015-07-25 14:34:32
Invio #: 125
Contenuto:

 

logo  brambilla con
.
1

[DATE]

Fisco à la carte
La materia fiscale, al pari di molte altre, è assai complessa e, se affrontata per parti separate senza una visione d'insieme, rischia di produrre soluzioni contraddittorie e dannose. È il caso delle cosiddette tax expenditures, le agevolazioni fiscali che si sarebbero dovute tagliare e che invece sono addirittura aumentate, come da ultimo con quelle (discutibilissime) inserite nella legge sulla buona scuola. Ora torna alla ribalta l'IMU, sulla quale si sono fatti negli ultimi anni grandi pasticci e che andrebbe semplicemente lasciata nella totale disponibilità dei comuni. Va rimesso  in moto il federalismo fiscale, grande incompiuta tra tutte le riforme, ed occasione per dimostrare la differenza tra un serio progetto di governo e la propaganda leghista.

La settimana in Regione
Sanità a parte, l'attività regionale è concentrata sull'assestamento di bilancio, che approderà in aula la prossima settimana. Anche in questo caso abbiamo prodotto un corposo pacchetto di emendamenti (un migliaio circa) per meglio indirizzare la spesa. Slitta invece a settembre la legge sulla formazione professionale, così come quella sul trasferimento delle funzioni alla città metropolitana. Ha suscitato infine molto interesse in III Commissione l'audizione del Dr. Roberto Brambilla (amico ma non parente) responsabile del Centro di Vulnologia alla Clinica Zucchi di Monza: dimostrazione che la tanto decantata eccellenza della sanità lombarda, laddove esiste,  è grazie ad operatori bravi e motivati ma poco sostenuti dalla Regione.

La Riforma della Sanità 1
È proseguito il tavolo di lavoro, presieduto dallo stesso Maroni. Alle proposte delle minoranze è stato espresso un secco no sull'unica ATS regionale (a fronte delle 8 previste) ed una apertura più o meno decisa su tutti gli altri dieci punti. Scendendo però dai principi generali alla stesura del testo normativo permangono differenze significative, non facilmente risolvibili. Sui distretti sociosanitari e sulla partecipazione dei comuni alla programmazione la seduta di ieri non ha ancora portato ad un risultato positivo, così come sul ruolo dei medici di medicina generale. Senza parlare poi degli azzonamenti territoriali, che sono stati volutamente lasciati in coda alla discussione, una volta definiti i punti di merito.

La Riforma della Sanità 2
Lunedì mattina affronteremo con l'assessore alle finanze una delle questioni più spinose: la compartecipazione dei cittadini alla spesa sanitaria. Il che significa ticket, ma non solo: ci sono le rette delle case di riposo e molte altre prestazioni parasanitarie di cui le famiglie si devono far carico. Sui ticket la nostra proposta è da tempo quella dell'innalzamento ad almeno 30 mila euro della soglia di esenzione e l'introduzione di un principio di gradualità e correlazione al reddito al di sopra di quel limite. Le risorse con cui sopperire al fabbisogno vanno trovate in alcune misure di razionalizzazione previste nel testo della riforma, soprattutto nel campo degli acquisti. Alla positiva soluzione di questo tema è prioritariamente legata la nostra decisione in merito al proseguio dell'ostruzionismo ed al mantenimento dei nostri ordini del giorno ed emendamenti.

Diario della crisi: Candy
Con una delegazione del forum provinciale lavoro abbiamo incontrato i rappresentanti dei lavoratori del gruppo Candy di Brugherio. L'azienda ha annunciato nei giorni scorsi 348 esuberi su circa 600 operai: di fatto ciò comporterebbe l'abbandono del sito produttivo, già da tempo privo di investimenti e con i dipendenti in contratto di solidarietà. Si stanno muovendo le istituzioni, in primis il Sindaco, ma occorre un gran gioco di squadra a tutti i livelli. Esempi recenti nel settore (su tutti il caso Whirlpool) testimoniano la possibilità di soluzioni positive, a condizione naturalmente che la proprietà si renda disponibile. E che condivida che un conto è l'internazionalizzazione, con la necessità di presidiare al meglio i mercati esteri, altro è la delocalizzazione: far produrre altrove a minor costo beni da reimportare e vendere nei nostri negozi.

Appuntamenti
Oggi alle 20.30 inaugurazione della Festa Democratica di Triuggio con un dibattito su Reddito Minimo e nuove forme di welfare; da frequentare nel week end anche le feste di Oreno, Arcore, Concorezzo.

Enrico Brambilla

www.enricobrambilla.it   

 

A protezione della tua privacy:
 
1
.