LA NEWSLETTER DI ENRICO BRAMBILLA N. 231 del 9 dicembre 2017
Oggetto: LA NEWSLETTER DI ENRICO BRAMBILLA N. 231 del 9 dicembre 2017
Data invio: 2017-12-09 16:11:50
Invio #: 234
Contenuto:

 

logo  brambilla con
.
1

[DATE]

È questo il fiore
Questa mattina eravamo in tanti in piazza a Como per affermare valori di tolleranza e di antifascismo. Manifestazione convocata senza simboli di partito, ma con uno slogan evocativo e mobilitante. È quel che ci servirebbe più spesso, per ritrovare carica, passione, unità. Già, perché di fronte a noi, ricordiamocelo sempre, c’è una destra intollerante, xenofoba, oscurantista. Non lasciamoci sviare dalle furbesche dichiarazioni di Maroni, e dai suoi propositi di far da contrappeso moderato a Salvini. Martedì in Consiglio regionale ne abbiamo avuto conferma, col rifiuto del centrodestra lombardo di condannare gli episodi squadristi dei giorni scorsi. Ora, se si vuole essere conseguenti ai buoni propositi di giornata, occorre che tutti mettano in cima all’agenda delle prossime settimane un solo obiettivo: dare alla Lombardia un governo diverso. Mentre appare scontato che alle politiche non vi saranno vincitori, qui basterà anche un solo voto a fare la differenza. Abbiamo il dovere di provarci.

La settimana in Regione
Nella seduta dedicata agli atti ispettivi e di indirizzo sono state approvate diverse mozioni ed una risoluzione. Essa riguardava il trasferimento a Milano della divisione centrale della Corte dei brevetti di Londra: persa l’EMA ci si riprova con questo Ente, anche in virtù del numero dei brevetti depositati nel nostro Paese. Tra le mozioni segnalo quella con l’impegno alla Giunta a provvedere affinché negli ospedali lombardi si possa accedere alle pratiche di fecondazione assistita con il solo pagamento del ticket. Infine rispondendo ad un nostro question time sono stati confermati i costi del referendum per l’autonomia: ad oggi 55 milioni. Per quanto riguarda invece i tablet sono in corso i lavori di ricondizionamento, per procedere poi alla loro distribuzione alle scuole, al netto di una quota che sarà trattenuta in Regione per eventuali prossimi referendum locali. Non è però ancora chiaro quali saranno i criteri di assegnazione.

Arrivano le elezioni, niente multe per chi non ha pagato il ticket
Con l’approssimarsi delle elezioni regionali c’è da aspettarsi di tutto da parte dell’attuale giunta per acquisire consensi. Lo vedremo nella settimana prima di Natale, quando sarà approvato il bilancio previsionale per il 2018. L’assessore Garavaglia si è già portato avanti, presentando in commissione bilancio un emendamento che si commenta da sé. Poiché la data attualmente più gettonata per il voto è quella dell’11 marzo ha infatti proposto di ridurre a partire dal 1 marzo il superticket sanitario e di rinviare al 31 marzo la riscossione coattiva nei confronti degli inadempienti. Considerata la materia non può che definirsi tempismo chirurgico.

Energie elettorali
Altra conseguenza dell’approssimarsi della chiamata alle urne sono i movimenti in corso tra le forze politiche. Molto agitati ora sono gli esponenti di Altenativa Popolare (ex NCD) ancora in cerca di una collocazione chiara. La dovrebbe decidere lunedì prossimo la Direzione del loro partito, ma i lombardi sembrano in prevalenza schierati col centrodestra. Qualcuno di loro intanto ha deciso di aderire al movimento di Parisi, Energie per l’Italia. Si tratta del consigliere Mauro Piazza e del sottosegretario Daniele Nava, entrambi lecchesi. Da Forza Italia fanno lo stesso percorso il bresciano Alberto Cavalli e la brianzola Sabrina Mosca. Il gruppo, che verrà ufficializzato a breve, potrà così evitare la raccolta delle firme per la presentazione di proprie liste. È scontato il loro sostegno a Maroni.

Maroni Chénier
Non è parso vero a Maroni di prendersi la scena del trionfo dell’Andrea Chénier alla Prima di Sant’Ambrogio, polemizzando per l’assenza delle più alte cariche istituzionali dello Stato. Gli andrebbe però chiesto conto del perché Regione Lombardia si sia messa contro l’attuale gestione del Teatro lo scorso anno (e non era la prima volta), votando contro il bilancio di previsione 2017 e criticando la programmazione del sovrintendente Pereira, troppo internazionale. Fosse stato per l’assessore Cappellini, probabilmente la stagione sarebbe stata inaugurata dal coro di Soncino, con un’operetta in dialetto della bassa in perfetta linea con le “politiche culturali (?)” del suo mandato. Vedremo cosa avranno da dire quest’anno, all’assemblea dei soci convocata per il prossimo 15 dicembre.

Bandi regionali
In scadenza: Bando volontariato 2018.
Scade il 15 dicembre alle 12.00 ed ha come finalità il sostenere quelle organizzazioni di volontariato e quelle nuove forme di associazionismo che attraverso l'attivazione di esperienze di cittadinanza attiva siano in grado di promuovere il protagonismo dei cittadini nella presa in carico dei problemi della comunità per l'interesse generale.

Appuntamenti
Martedì 12 alle 16.30 cerimonia per il 48° anniversario della strage di piazza Fontana; alle 20 Direzione provinciale PD Monza Brianza.
Sabato 16 a Roma assemblea nazionale DEMS.

Enrico Brambilla

www.enricobrambilla.it    

A protezione della tua privacy:
 
1
.