LA NEWSLETTER DI ENRICO BRAMBILLA N. 63 del 26 aprile 2014
Oggetto: LA NEWSLETTER DI ENRICO BRAMBILLA N. 63 del 26 aprile 2014
Data invio: 2014-04-26 15:39:44
Invio #: 64
Contenuto:

 

logo  brambilla con
.
1

[DATE]

Serve un Senato rappresentativo delle autonomie
A mio avviso il tema centrale nella riforma del Senato non è l'elezione diretta o meno dei suoi componenti. Personalmente concordo con i quattro 'paletti' posti dal Governo ( Senato che non vota la fiducia, non vota il bilancio, non è elettivo, non dispone di indennità). L'incongruenza sta invece nelle funzioni, oltre che nella sua composizione, con 21 membri di nomina presidenziale accanto a Sindaci e Governatori. E' stato osservato (Prof. Balboni) che così congegnato il Disegno di legge miri più alla rappresentazione delle autonomie che alla loro rappresentanza. Siamo molto lontani dal Bundesrat tedesco. Che in quel paese svolge un ruolo fondamentale nella ripartizione dei poteri tra Stato centrale e Regioni. E funziona con soli 69 membri, eletti dai singoli Lander.

La settimana (del rimpasto) in Regione
Settimana semifestiva, niente consiglio, poche sedute di commissione. Unica attività frenetica la trattativa interna alla maggioranza per gli scambi di poltrone. La questione è la seguente. Alle elezioni il PDL ottenne 19 consiglieri. Gli vennero riconosciuti 6 assessori ed un sottosegretario. Poi il gruppo si è diviso in due: 10 sono finiti in Forza Italia e 9 nel Nuovo(?) Centro Destra. Tra gli assessori cinque più il sottosegretario hanno scelto F.I., uno solo NCD. Questi quindi chiedono un riequilibrio, ma Forza Italia non vuol sentire ragione. Maroni media e pensa a creare un posto in più da sottosegretario. Senza NCD infatti rischia di non avere più la maggioranza: sarebbero in 40 su 80.

Pedemontana
Mercoledì scorso ho promosso un incontro tra Maroni e 5 sindaci della tratta B2 della Pedemontana (Barlassina, Cesano Maderno, Lentate sul Seveso, Meda, Seveso), che da tempo chiedevano invano di essere ascoltati. È stato loro assicurato che il 7 maggio verrpresentato il progetto esecutivo della tratta, i cui lavori inizieranno comunque dopo l'Expo. Nel frattempo il timore è che l'apertura della B1 (da Lomazzo a Lentate) scarichi sulla Milano-Meda una ulteriore quantità di traffico non assorbibile. Maroni si è impegnato a far eseguire nuove stime di traffico.
L'entrata in funzione delle tratte B2 e C (fino a Vimercate) è prevista entro il 2017, la D (da Vimercate a Dalmine) forse entro il 2020. Questa l'ufficialità, ma rimane la grande incognita del finanziamento. Manca 1 miliardo e 750 milioni, e non è detto che bastino. Chi ce li mette?

Renzi rimanda Maroni
Il governo ha deciso di impugnare alla Corte Costituzionale alcune parti della recente legge regionale sulla competitività. La legge era stata votata all'unanimità dal Consiglio, ed anche il giudizio del PD era stato nel complesso positivo. Nella discussione avevamo però evidenziato alcune incongruenze, ora puntualmente eccepite. Il marchio Made in Lombardia, la moneta complementare, la procedura di comunicazione unica per l'avvio di attività d'impresa eccedono le competenze regionali. Le forzature leghiste rischiano di annullare un buon lavoro: ora meglio correggerle anzichè alimentare un conflitto inutile e controproducente.

Riforma della sanità: la proposta del PD
Dopo alcuni mesi di lavoro è stato finalmente messa a punto la proposta di legge del Partito Democratico per riformare la sanità lombarda. Il cuore del progetto sta nell'affiancare alla libertà di scelta il concetto della presa in carico. Per poter scegliere bene il cittadino deve essere accompagnato, in un sistema di servizi integrati tra di loro.
La proposta è già ben articolata, ma prima di depositarla faremo incontri nei territori per raccogliere osservazioni e pareri utili a definirla. Chiunque fosse interessato a partecipare può segnalarmelo e sarà informato.

Bandi regionali
Contributi alle scuole d'infanzia non statali e non comunali 2013/2014
Scadenza: venerdì 23 maggio 2014 fino alle ore 12
Edilizia scolastica - contributi per interventi urgenti e indifferibili
Gli interventi devono essere divenuti necessari a seguito di eventi imprevedibili che hanno compromesso l'agibilità degli edifici scolastici di proprietà degli Enti Locali.
Scadenza: l’intervento finanziato dovrà essere avviato entro 6 mesi dall’assegnazione del beneficio e completato entro il 31 dicembre 2014.
Bando per l’Innovazione del Terziario
Finanzia, tramite l’erogazione di contributi a fondo perduto, lo sviluppo di progettualità innovative che prevedono l’adozione di servizi avanzati e qualificati da parte delle imprese del terziario, anche attraverso la valorizzazione dei prodotti offerti dalle start up, in uno o più dei seguenti ambiti di intervento: 1. Sistemi di pagamento elettronico; 2. Impatto ambientale ed energetico; 3. sistemi digitali innovativi per il punto vendita e la promozione di prodotti e servizi. L’intervento prevede l’assegnazione di un contributo a fondo perduto pari al 40% dell’investimento ammesso fino ad un massimo di 25.000,00
Beneficiari: MPMI e reti di imprese con soggettività giuridica con sede legale e/o operativa nelle province di Brescia, Cremona, Lecco, Milano, Monza e Brianza e Varese che operano nel settore del terziario e svolgono un’attività classificata con codici ATECO 2007
Scadenza: dalle ore 12.00 del 20 maggio 2014 fino alle ore 16.00 del 26 giugno 2014

Appuntamenti
Martedì 29 alle 21 a Ceriano Laghetto in sala consigliare con Sergio Cofferati ed il candidato sindaco Mauro Campi.

Enrico Brambilla

www.enricobrambilla.it

 

A protezione della tua privacy:
 
1
.