L'ultimo comunicato stampa

TRASPORTO PUBBLICO: SU RICHIESTA DEL PD LA REGIONE DARA’ 4,6 MILIONI PER SCONGIURARE IL TAGLIO DELLE CORSE

La giunta regionale si è impegnata a scongiurare il taglio dei servizi di trasporto pubblico locale nei territori di Milano, della Brianza e di Pavia. Il Consiglio regionale ha infatti accolto un ordine del giorno all’assestamento al bilancio 2017-19 presentato dal Partito Democratico con il quale si chiede lo stanziamento complessivo di 4,6 milioni di euro che garantiranno all’agenzia metropolitana dei trasporti di chiudere i bilanci senza dover effettuare dolorosi tagli delle tratte e delle corse. Nella stessa seduta è stato approvato un emendamento sempre del Pd che introduce i costi standard per le agenzie dei trasporti, a garanzia della maggiore trasparenza ed efficienza in questo settore. Leggi tutto...

Messi in salvo gli operatori e i comuni che hanno già avviato le proceudre  per adeguare i requisiti e tempi più lunghi per i ritardatari. “Anche grazie al lungo lavoro di mediazione fatto sia in Commissione regionale Attività produttive che in Aula (non ultima la scorsa settimana), nella quale il gruppo Pd ha fortemente sostenuto l'obiettivo di difendere gli interessi degli oltre 25mila ambulanti lombardi dinanzi alle ricadute della direttiva Bolkestein per quanto riguarda la concessione degli spazi pubblici, ora anche in Parlamento, il Pd proporrà un emendamento per mettere la parola fine al cortocircuito generatosi intorno alla riorganizzazione prevista per il 2017”.

Leggi tutto...

"Maroni se ne lava le mani? Come sempre". Così il capogruppo del Pd Enrico Brambilla replica a Maroni che, rispondendo alle domande dei giornalisti in merito alla richiesta del Pd di aprire le stazioni ai clochard durante l'emergenza freddo, ha affermato di non voler fare nulla fino a quando non verrà discussa e approvata la mozione urgente firmata dai democratici.

Leggi tutto...

“I problemi denunciati dall’Arac sono noti da tempo e non sarà questa agenzia a risolverli. Per porre fine agli scandali e alle distorsioni bisognerebbe collaborare in modo più stretto con l’Autorità nazionale anti corruzione, che ha veri poteri e vera indipendenza. Occorre anche che chi governa la Regione da tanti anni faccia finalmente una profonda autocritica”.

Leggi tutto...

“La garanzia rilasciata a Pedemontana senza la revisione del piano economico finanziario e senza aver risolto il contenzioso con Strabag è un azzardo che rischia di costare carissimo ai lombardi. Ricordo che Pedemontana è un'opera in finanza di progetto e tutti sono capaci di fare progetti scaricando i rischi sul pubblico. La garanzia è una polpetta avvelenata i cui effetti si vedranno solo tra dieci anni, quando la giunta Maroni sarà ormai un ricordo.”

Leggi tutto...

“Un bilancio che impegna 450 milioni per una garanzia a Pedemontana che suona come un azzardo, che mette 46 milioni per un referendum consultivo inutile e che dall’altra parte taglia i fondi al sociale e al diritto allo studio e che non investe a sufficienza sul trasporto pubblico locale non può essere votato. Abbiamo ottenuto alcuni risultati significativi, come il finanziamento dei contratti di solidarietà e degli accordi di competitività, o il riconoscimento del bonus bebè per intero anche ai bambini adottivi. Segnali che non bastano a cambiare il segno di questo bilancio.”

Leggi tutto...

"Approvate all'unanimità oggi in Aula due mozioni, la prima a firma Pd e la seconda presentata dalla Lega Nord, concernenti le nuove regole in materia di sagre. In base alle linee guida, approvate a luglio, per la stesura dei regolamenti comunali delle sagre e delle fiere temporanee regionali, infatti, gli operatori da quest'anno sono obbligati a depositare la relativa istanza iscrivendosi negli elenchi comunali. La ratio è quella di assicurare omogeneità e sicurezza su tutto il territorio della Lombardia.

Leggi tutto...

"Utilizzare il palazzo del Consiglio regionale per fare propaganda referendaria come hanno fatto oggi i gruppi della maggioranza è inqualificabile e irrispettoso. Non fa che screditare l'istituzione regionale ed esacerbare ulteriormente gli animi". Lo dichiara il capogruppo del PD in Regione Enrico Brambilla in merito alla scritta "NO" apparsa questa sera sulla facciata di palazzo Pirelli.

Leggi tutto...

“Mentasti è l'ennesimo manager che lascia la Regione Lombardia. É ormai evidente che chi può se ne va appena possibile.” così il capogruppo del Pd in Regione Enrico Brambilla accoglie la notizia delle dimissioni del direttore dell'agenzia dei controlli della sanità lombarda, organismo nato con la riforma sanitaria dell'agosto 2015 e ancora oggi in fase di costruzione. Andrea Mentasti ha infatti lasciato la Regione dopo essere stato nominato amministratore delegato delle Ferrovie pugliesi.

Leggi tutto...