L'ultimo comunicato stampa

Commercio - BRAMBILLA (PD): “DALLA GIUNTA MARONI POLITICHE PROGRAMMATORIE INESISTENTI. SI POTEVA FARE DI PIU' PER VALORIZZARE I PICCOLI NEGOZI"

Una moratoria praticamente inefficace della durata di soli sei mesi e delle linee guida del commercio che non hanno mai tenuto conto realmente del principio programmatorio su aree vaste. E' di questo che si parla quando si parla di commercio e di centri commerciali in Lombardia, secondo il capogruppo Pd Enrico Brambilla che raccoglie il grido di dolore lanciato oggi ai gruppi politici e alle istituzioni regionali da Confesercenti Lombardia che lamenta la perdita di 12mila negozi. Leggi tutto...

“È una clamorosa inversione di marcia che rende ancora più inutile un organismo che non ha più poteri, non ha indipendenza né autonomia. Un organismo che costa comunque un milione di euro l’anno. Tra diciotto mesi è prevista una verifica, allora faremo i conti su quanto avrà contribuito a combattere i comportamenti scorretti negli enti regionali”.

Leggi tutto...

“Bene la decisione di ridurre il costo dei pedaggi e la volontà di rendere più trasparente l’iter dei lavori, ma nutriamo ancora molta perplessità sul fatto che l’opera, così com’ è, verrà terminata nel 2021”.

Leggi tutto...

Il Consiglio regionale ha approvato in serata l’assestamento al bilancio 2016-18, con il voto contrario del Partito Democratico. Il Pd aveva presentato 55 emendamenti e 23 ordini del giorno, puntando principalmente sul ripristino del fondo sociale regionale, destinato ai comuni per le politiche in favore di anziani, minori e disabili, da cui mancano 16 milioni rispetto ai 70 degli anni scorsi, e sul finanziamento del trasporto pubblico locale che, soprattutto in alcune province, rischia il collasso. Mentre per il fondo sociale la giunta e la maggioranza di centrodestra non hanno voluto sentire ragioni, per il trasporto pubblico il Pd ha ottenuto il risultato di un impegno dell’assessore la bilancio Garavaglia di anticipare le risorse del 2017 al 2016 per fare fronte alla sofferenza delle Province su questo servizio.

Leggi tutto...

Il gruppo regionale del Pd proporrà all'assestamento al bilancio regionale 2016-2018 un pacchetto di emendamenti mirati per correggere le maggiori carenze di un bilancio giudicato comunque inadeguato alle necessità della Lombardia. In particolare, il Pd chiede il ripristino a 70 milioni del fondo sociale regionale, che finanzia le politiche dei comuni per anziani, minori e disabili e che in questo bilancio è tagliato di 16 milioni rispetto agli anni precedenti (nel bilacio di previsione 2016-18 fu fissato a 54 milioni e in assestamento, da parte della giunta e della maggioranza, non viene previsto alcun aumento).

Leggi tutto...

“Maroni sa già da tempo che l'abbinamento tra il referendum costituzionale e quello regionale non è tecnicamente possibile, quindi l'ultimatum al governo è poco più di un siparietto che nasconde la paura folle del governatore di non raccogliere un'affluenza dignitosa per la consultazione leghista. La scorsa settimana la maggioranza di centrodestra, su proposta dell'assessore Garavaglia, ha anche votato lo slittamento dei termini per l'indizione della consultazione popolare da agosto 2016 a fine 2017, e questa è l'ulteriore prova che Maroni il referendum non lo vuole più fare.

Leggi tutto...

Questa mattina presso l'assessorato Infrastrutture e Mobilità di Regione Lombardia si è tenuto il tavolo tecnico per discutere il prolungamento della metro M5 fino a Monza e della M2 fino a Vimercate. Per la prima opera occorre elaborare lo studio di fattibilità, mentre la seconda è ferma dal 2010 per il blocco della Corte dei Conti non essendo stata individuata la copertura finanziaria.

Leggi tutto...

Il capogruppo del Pd in Regione Enrico Brambilla e il consigliere Onorio Rosati hanno fatto visita oggi alle 13.30 al centro di accoglienza di via Sammartini 122, dove hanno incontrato l'assessore al Welfare del comune di Milano Pierfrancesco Majorino..

Leggi tutto...

Il Pd, il Patto Civico e il Movimento 5 Stelle non hanno partecipato al voto, oggi in Consiglio regionale, di ratifica delle nomine del presidente e del consiglio di Arac, l’agenzia anticorruzione regionale voluta da Maroni. Su sessantacinque presenti la nomina ha dunque incassato solamente i 39 voti favorevoli della maggioranza.

Leggi tutto...